Anello dei borghi di Moggessa

ACCESSO: dalla SS13 (Pontebbana) verso Moggio Udinese e quindi localit Moggio Alto; litinerario inizia nel Borgo Riu, uno dei tanti agglomerati di case che compongono Moggio Alto (segnavia CAI 418 tabella in legno scolorita).

PERCORSO: Il primo tratto si svolge per poco pi di 500 m su asfalto; lasciato sulla destra il bivio per il Borgo Costa, dopo una casa isolata, la strada si riduce in breve ad una mulattiera che sale comodamente alla sella tra i Monti Palis e Cesariis (quota 665 m tabernacolo votivo); alle spalle egregia vista sul Gruppo del Montasio. Con una discesa mai ripida, seguendo il profilo segnato della montagna, si raggiunge dapprima il caratteristico Borgo di Moggessa di Qua (quota 510 m) e dopo essere discesi al Rio del Molin, si risale al Borgo gemello di Moggessa di L (quota 530 m); entrambi sono purtroppo in buona parte diroccati, ma qualche carnico dallo spirito ostico non desiste dal risiedervi (come testimoniano due comignoli fumanti e panni stesi al sole - sia di Qu che di L). Nei pressi della Chiesetta di Moggessa di L (fontana), al bivio con il sent. 419, si prende la traccia a destra, continuando a seguire il segnavia 418, una larga mulattiera che, alternando strappi pi ripidi a tratti quasi pianeggianti, sale al Borgo denominato Morolz (quota 855); grazie alle buone condizioni dello sterrato che sale dalla Val Aupa, gli stavoli che si incontrano dora in avanti sono in gran parte restaurati e abitati quanto meno nella stagione estiva. Poco dopo una tabella invita a lasciare lo sterrato per prendere sulla sinistra il sentiero marcato 420 per Moggio: per di gran lunga consigliabile continuare sino a Borgo di Mezzo (quota 832 m) e Badiuz (quota 838 m splendida vista sui contrafforti rocciosi della Creta di Grauzaria), tuttaltro che paesini fantasma, dove anche a met gennaio si pu trovare qualche valligiano - incredibile a dirsi - incline a scambiare quattro chiacchiere, naturalmente in friulano stretto. La traccia del sentiero 420 si riprende ritornando a Borgo di Mezzo; persa un po di quota per guadare il Rio Baldan, si traversa lo scosceso e boscoso versante O del Monticello, puntando ad unevidente insellatura, denominata la Forca (922 m altro tabernacolo). Il primo tratto della discesa lungo la valle scavata dal Rio Travasans ripida e faticosa da percorrere anche in discesa, a causa del fondo piuttosto scosceso, instabile e scivoloso; poi la pendenza si fa decisamente meno marcata, permettendo di rilassarsi e raggiungere nuovamente le pendici pi estreme di Moggio Alto (Borgo Travasans quota 413 m). Allo sbocco del sentiero, girando attorno ad una fontana, conviene prendere il sentiero che si abbassa sino al torrente sottostante; guadandolo si risale una strada asfaltata che porta al Borgo Costa, da cui si raggiunge il punto di partenza, Borgo Riu.

PUNTO DI PARTENZA: Borgo Riu (Fr. di Moggio Alto) 365m

TEMPI DI PERCORRENZA: da Borgo Riu a Moggessa di Qua ca. 30; a Moggessa di L ca. 40; al Borgo Morolz 1,05 h; al Borgo di Mezzo (bivio 420) 1,10 h; a La Forca (bivio 421) ca. 1,25 h; al Borgo Travasans ca. 1,45 h; al Borgo Riu 1,50 h.

DISLIVELLO IN SALITA: ca. 850 m

DISLIVELLO IN DISCESA: ca. 850 m

DISTANZA: ca. 13,00 km

TEMPO DI PERCORRENZA: ca. 2,00 h

CARTOGRAFIA: fogli Tabacco 018 1:25.000

DIFFICOLTA': nessuna difficolt alpinistica di rilievo;
nessuna difficolt di orientamento;
percorso corribile quasi interamente;
(MS medi sky-runner)

Dario Loredan

Torna indietro