Chilometro veticale anno per anno

Chilometro Verticale 2011
- Memorial F. BRATINA -

logo manifestazioneDomenica 25 Settembre 2011 in una cornice di sole quasi esitivo, si svolta la seconda edizione del chilometro verticale in ricordo del Prof. Bratina sulle montagne che pi amava visitare, fotografare e frequentare come semplice escursionista. Il percorso, gi ampiamente apprezzato nellanno precedente stato confermato: ritrovo in Val Marzon sopra ad Auronzo di Cadore, per risalire la Val Ciampedele fino al Rif. F.Savio (2367m). La manifestazione, organizzata dal CAI CIM SAG di Trieste in collaborazione con la sezione del CAI di Auronzo, ha registrato un notevole successo di partecipazione e di consensi: raggiunto praticamente il tetto massimo di iscritti (50 runners), la competizione ha espresso anche un altissimo livello tecnico confermato dagli ottimi risultati cronometrici.
La competizione stata vinta dal giovane Da Col Manuel (Marciatori Calalzo) in 4421 nuovo record del tracciato. Dietro al fuoriclasse si sono piazzati Polito Lauro secondo in 4726e Bombassei Marzio (Ass. Tre Cime) terzo in 4807. Disintegrato il precedente record detenuto da Paolo Glavina (CAI CIM) di 5901. La prima donna a raggiungere il traguardo stata Francesca Lavezzari (Dolomiti Skialp) in 1h 0251.


Classifica top 10

1DA COL Manuel44:21
2POLITO Lauro47:26
3BOMBASEI Marzio48:07
4DA PRA Olivo48:17
5DE MIN Matteo48:48
6ERMACORA Michele49:08
7FRESCURA Stefano49:13
8MORETTON Marco51:13
9DANIEL Stefano52:11
10LUPIERI Luca53:45

Un ringraziamento sentito va al direttivo del CAI CIM SAG di Trieste, che in un anno carico di appuntamenti sul lato organizzativo ha accolto di buon grado la riedizione delliniziativa, inserendo levento allinterno del circuito di gare soprannominato COPA CIM. Un particolare ringraziamento va esteso poi al CAI di Auronzo e al Soccorso Aplino, allazienda FOSS MARAI di Guia di Valdobbiadene, allEmporio MARTINI di Auronzo, a tutti gli amici di Auronzo e ai partecipanti alla gara che hanno reso speciale il ricordo di mio papa.

Raffaele Bratina

torna su