DRIO DE CASA

(03/10/2006)

Sento che le mie riserve de endorfine sta per finir, divento scontroso, ruvido, anche con chi no volessi, con chi amo. Devo farme una dose, rivar ad incastrar una corsa rigeneratrice prima che la macina degli impegni me mastruzi. Aprofito de un buso nella scaleta del pomerigio per infilar le Salomon e fiondarme z in strada. Podessi a sto punto lassarme comodamente scivolar verso Barcola, ma c rivo sul canton de via dei Moreri sento el richiamo dellObelisco lass che me varda e me speta, come un vecio amico, allapuntamento che gnanca sta volta posso mancar. Quattro falcade e son fora del casin de Roian, anzi Rojan, come se ciamava una volta sto rion, co iera bagn dai tanti torrentei che veniva z del monte, prima che i fossi tutti intubai e coverti de zemento. Limpirada rampa in pav me permeti de alzarme velocemente de quota e, co rivo ai primi generosi pastini de Malvasia e Vitovska, il mio pensier no pol non andar alle mitiche osmize de Pičanci e alle tante scorribande fatte per sto borgo, co se bagolava con la compagnia ebbri de vin e dei nostri venti anni. Desso finalmente stago ben, le gambe comincia a girar e la vista pol spaziar su tuto el Golfo: una perla azura incastonada nel verde che dal Carso scendi fin al mar. Par imposibile che g bast pochi minuti de corsa per uscir dal caos dela cit ed entrar in una pase che solo la natura pol ofrirte: prodigi de questa nostra Trieste. Un per de curve e, co rivo in piazeta, vedo la Madonna. Capisso subito per che no se tratta de una delle solite visioni mistiche, cos familiari a noi skairanner quando purghemo sulle salite pi dure. 1854 Zdrava Marija 1954 sta scrito sullaccogliente cappelleta che ospita una statuetta sacra dalle forme gentili, sempre in ordine, ben curada e col lumin impiz, a testimonianza che tra queste vecie casette de piera ancora alberga un umile, sincero spirito di devozione, degno del pi grande rispeto, comunque uno la pensi. Traverso a meza costa per abandonar le ultime case e ciapar il sentier che se rampiga tra il bosco e le tarazze coltivade a vide, per poi spuntar sullultimo tratto della trenovia. Questa x una zona particolare, a caval tra pastini e bosco, esposta a sud in bonaza dalla bora e ricca de sorgentele de acqua pura che i calcari, che proprio qua i se poza sulle arenarie, no i riva pi a trattenir. Sar per questo che qua me capita de frequente de incrosar qualche bestia: bande de cinghiai che sconfina da Monte Spac per zercar de rubar in orto qualcossa de bon, salamandre maculate che, proprio come mi, arranca faticosamente su pel patoc, famiglie de caprioli che nei brevi pomeriggi dinverno i se godi al riparo del vento gli ultimi preziosi raggi de sol. Riv allObelisco ciapo sul retro el 12, che se snoda lungo il ciglion carsico, in direzion de Proseco. Anche questo sentiero, come tuti i percorsi de cresta, ideali linee de confin tra realt opposte ma contigue, g un fascino tutto suo, sospeso come el x tra il pendio assolato che degrada dolcemente verso il mar e laspro scuro bosco di pini neri allinterno, tra il tepore illirico ed il pungente freddo continentale, tra il profumo de salvia ed il penetrante odor de muschio, tra la luce e lombra, tra i tiepidi raggi del sol in viso e lo scrocchio della neve iazada sotto i pie, .............. , tra lallegria e la tristezza, tra la nostra opulenza e la loro miseria. No fazo in tempo a finir sti pensieri che me ritrovo sulla sommit del Monte Gurca. Anche se se tratta de una zima modestissima, il senso de gioia che provo x comunque simile a quel delle grandi occasioni, forsi proprio perch, nella zima guadagnada sudando, qualunque essa sia, anche drio de casa, noi tutti idealizzemo i nostri sogni e le nostre speranze. "Ho portato il mio Io sul punto pi alto e lo lascio lass, l'Io che voglio essere. Scendo con l'Io che sono" (Reinhard Karl)

Ritorna alla pagina precedente