LUNA PIENA SUL CASTELLARO

(25/02/2005)

...fa pi rumore un albero che cade
di una foresta che cresce.....
che nel nostro gruppo si tenti sempre di essere un po' matti per non diventarlo completamente, questa cosa risaputa da tempo e la conferma di questo quella magnifica voglia di ritagliarsi i propri spazi (km e km per andare a fare gare in notturna, levatacce per salire un monte o ore di pranzo immolate alla corsa)per dedicarci a quello che ci piace. Ieri sera un gruppo eterogeneo di persone si radunato per salire sul Veliki Gradisce/Monte Castellaro alla luce della luna piena. Partiti in mezzo a una vera bufera di neve, ci siamo ritrovati dopo Preloze in una situazione a dir poco magica: la totale assenza di vento, un silenzio assordante rotto dai richiami di allocchi e fra le nuvole i fasci di luce della grande sorella. Colori strani, irreali...giallo,rosso....la luna di Zagor, Zagor Te Nai...impersonato da capitan Coselli, che non perdeva un passo nella sua lotta con il ripido pendio, mentre battevano traccia Enrico,Zgur detto Zgur e geppo Santoni che trasformatosi in gnomo urlava la soddisfazione di trovarsi in questo posto. Seguiva isolato l'esoterico Franz perso nei suoi psichedelici pensieri, mentre il sottoscritto e il mitico guerriero aborigeno Kortel, da buoni fratelli si controllavano a vicenda...perch si sa....il lupo attacca sempre i pi debole e se non i pi debole almeno l'ultimo.!!..A vroce, dopo aver lasciato traccia del nostro passaggio abbiamo deciso di allungare puntando verso il kokos, per poi girare nuovamente verso la cima seguendo la cinta del Castelliere......Bagno di luna in vetta e poi via saltando sulla neve vergine della via dei piloni....ultimi sogni suglia aperti pascoli di Lokev....e poi tanta tranquillit e soddisfazione di fronte al fiume di birra che sgorgava dal banco della Kompass inebriandoci di gioia e amicizia...

Ritorna alla pagina precedente