Riepilogo Attività

Attività gruppo Corsa In Montagna anno 2012

Raffaele Bratina

Cari Soci, il presente resoconto preparato alla vigilia della chiusura dell’anno in corso, vuole celebrare la vitalita del gruppo CAI CIM SAG TS attraverso la sua intensa attivita podistica svolta nel suo complesso.. La volonta e quella di rivivere l’anno che si sta per chiudere, sottolineando l’importante attivita del gruppo sia dal lato agonistico che da quello escursionistico/esplorativo in genere.
L’anno 2012 si apre, come ormai consuetudine, con una buona partecipazione del gruppo alla LanaroGranFondo, competizione patrocinata dal Vulkan-SAG, diventata ormai una classica d’inverno tra la comunita dei podisti. Per riscaldarsi nelle fredde serate d’inverno, parte in Gennaio una nuova iniziativa di gruppo (che aveva avuto un prologo gia a Dicembre 2011): ed e subito Osmiza Run, primo ritrovo a Samatorza dopo aver visitato il Mte S.Leonardo. Il mese si conclude con la partecipazione alla prima edizione in notturna della Vertikal Skyrace di Ravascletto, gara di sola salita sul Mte Zoncolan, a partecipazione mista per scialpinisti ed amanti delle ciaspe. La festa anni ’80 post-gara consacra il CAI CIM protagonista non solo negli eventi agonistici ma anche in quelli mondani. Da segnalare numerose partecipazioni al circuito CiaspaTour, riservato ai ciaspolatori come Ciaspdolomitica e CiaspAuronzo.
Nel mese di Febbraio continua il freddo e la poca neve in montagna, ma non si placa l’attivita sull’arco dolomitico: partecipazioni alla Casparetha nell’Agordino, piacevole gara in salita in notturna con le ciaspe tra i boschi della Val Gares; presenza CAI CIM anche alle competizioni con le ciaspe di piu lungo chilometraggio come la Granfondo delle Dolomiti e la prima edizione della Ciaspalonga delle Marmarole. Parallelamente continuano anche le attivita alternative legate alla corsa come la Gnocca Run e la corsa di Carnevale.

La primavera si avvicina nel ricordo di un amico che ci ha lasciato recentemente, Virgilio Zecchini e dell’intenzione di ricordarlo attraverso una competizione lungo gli itinerari tanto amati da Virgilio. Tanti cimini si mobilitano nei primi giorni di Marzo per provare e riprovare il tracciato proposto e ideato da Stefano Bevilaqua. Nasce cosi la prima edizione del Kokos Trail dove il CIM si presenta in massa. Le giornate cominciano ad allungarsi e gli impegni estivi delle grandi classiche in montagna spingono ad accelerare sugli allenamenti. A meta mese il CIM e diviso tra Vicenza per sostenere l’Ultrabericus ultra sui colli Berici e la Carnia per intraprendere, da un’idea di D. Loredan l’anello dei Borghi di Moggessa alla riscoperta di vecchi stavoli abbandonati.
Parte anche l’attivita internazionale: CIM presente, come tradizione, all’apertura del circuito di gare in montagna Gorski Tek, in Slovenia, con la prima prova a Gradisce Pri Vipava e presente numeroso alla UMAGO Mini Marathon valevole per il circuito denominato “COPA CIM”.
All’inizio di Maggio il gruppo partecipa praticamente a tutte le iniziative di contorno legate alla Maratona d’Europa organizzata dalla Nuova Bavisela: la maxistaffetta a squadre, nella cornice d’eccezione di Piazza Unita, la Staffetta del Ricordo per non dimenticare il rovinoso terremoto che nel 1976 colpi il Friuli, la Maratone d'Europa e la Mezza Maratona dei 2 Castelli. Si abbandona quindi l’asfalto per tornare sul Carso triestino con la 12 Ore del Mte Carso, il sentiero 3 in notturna, l’iniziativa autogestita dell’Ecomaratona dei 2 Parchi, la seconda tappa dell’Osmiza Run a Sgonico e la Baska Run, fine settimana podistico sull’Isola di Veglia.

L’arrivo dell’Estate e da sempre il periodo piu attivo per il CAI CIM in particolare sul lato agonistico ma anche sul lato organizzativo: ritorna, come da consuetudine, la Jamarun manifestazione podistica che vuole valorizzare le bellezze della Val Rosandra, organizzata dal CAI CIM in collaborazione con il Comune Dolina. In preparazione della Lavaredo Ultra Trail di Cortina di fine Giugno, nuova competizione sulla distanza di ca 120 km che abbraccia tutte le piu belle cime dolomitiche, si perfezionano gli allenamenti in tutte le modalita, sul lato escursionistico si realizzano il Raid del Monte Tudaio, Concatenamento del Quarnan-Mte Chiampon, salita del Mte Caven. Per quanto riguarda il lato agonistico, partecipazioni all’International Skyrace della Carnia e alla Carsolina. Ottimi risultati arrivano a fine mese da Cortina, dove tutti i partecipanti portano a conclusione la gia citata Laveredo Ultra Trail e Cortina Trail.
Un’altra accelerazione all’attivia del gruppo viene data nel mese di Luglio, dall’idea di A. De Cristini ed E. Pacorini di percorre la Tiroler H?henweg l’Alta Via del Tirolo a tappe, per una distanza complessiva di ca 170 km. L’impresa raccoglie i consensi di un ampia parte del gruppo che scegliera tra la partecipazione integrale o parziale delle 4 tappe: a testimonianza del successo, l’arrivo trionfale a Merano di un manipolo composto da 10 corridori corroborati dall’immancabile logistica.
Tra Luglio ed Agosto il CAI CIM e presente a tutte le classiche Skyrace dell’arco Alpino Orientale e non: Vertical Km di Resia, Transcivetta, Dolomites Skyrace di Canazei, Peralba Skyrace, Camignada dei 6 Rifugi, Skyrace delle Dolomiti Friulane, Trofeo Kima. Partecipazione sentita anche alla Miramarina a Trieste, per ricordare tutti assieme, ancora una volta, Fiorella. Riproposta anche quest’anno con successo l’iniziativa Fer-run-gosto in Austria, con salita alla cima del Mittagskogel abbinata ad escursione in montain bike. A fine mese non puo mancare il terzo episodio ormai affollatissimo dell’Osmiza Run a Kontovel.
Le temperature ancora alte e piacevoli che accompagnano l’inizio dell’autunno favoriscono di nuovo un mese particolarmente attivo sul fronte delle iniziative: continua l’attivita agonistica con la visita agli amici di Aquileia per partecipare alla Cronoscalata del Campanile, torna poi la montagna con la Drei Zinnen Alpin Marathon, Skyrace del Mte Cavallo, Troi dei Cimbri, la Staffetta dei Tre Comuni in Val Resia, Cadini Skyrace. Si ritorna a fine mese sui Cadini di Misurina per organizzare in collaborazinoe alla sezione del CAI di Auronzo il chilometro verticale KMV12 Memorial F.Bratina. CAI CIM sempre attento anche alle nuove iniziative cittadine che tendono a valorizzare Trieste, sotto nuovi punti di vista: partecipazioni alla Rampigada Santa.

Chiusura del trofeo interno “COPA CIM” a Podnanos con la veloce e ripida Gorski Tek na Nanos. Importante partecipazione alla prima edizione di un nuovo trail sospeso tra lame di roccia carsica e mare, sull’isola croata di Veglia: il Krk Island Trail. Da segnalare ancora per originalita le due edizioni della Ciaspolbeach (estiva ed invernale), gara di ciaspe sulla sabbia, dove il gruppo riesce a tenere una posizione di primato.
Il ritorno all’ora sorale facilita di nuovo la ripresa dei Jamakasi, salite repentine sui rilievi vicino a casa, a contemplare la nascita di un nuovo giorno. Da segnalare il Jamakasi sul Mte Amariana con partenza da Amaro. 10° edizione ormai anche per la Zipka Fantasy sapientemente organizzata dal nostro Reggente. Nuovo successo poi a fine mese per la Cronotraversata del Maestro, competizione nella cavita della Grotta Gigante, patrocinata dalla SAG con il supporto tecnico del CAI CIM.
L’anno agonistico si conclude con il consueto appuntamento della prima domenica di Dicembre sul carso triestino, sempre piu caro a tutto il CIM: la cavalcata carsica sul sentiero 3 e il modo piu piacevole per rivivere tutte le soddisfazioni, le fatiche e le delusioni di un anno di corsa.

I consiglieri del Gruppo CIM – Società Alpina delle Giulie – Trieste


torna su