Riepilogo Attività

Attività gruppo Corsa In Montagna anno 2010

Le basi gettate nella passata stagione danno i loro frutti anche nel 2010: ne è testimone la mole di attività che vede il Gruppo CIM protagonista e che andremo a riassumere nel seguito ma, soprattutto, il rinnovato spirito di gruppo e la voglia di stare assieme divertendosi in un ambiente sempre spettacolare come la montagna, contagiando d’entusiasmo anche chi al gruppo non appartiene. Controprova, a fine anno, l’ingresso nel CIM di 4 nuovi soci e 2 aspiranti!

ATTIVITA’ ORGANIZZATIVA

Come da tradizione, il primo appuntamento dell’anno è la tre giorni podistica chiamata Linee Vertikali, una sfida articolata su più prove, organizzata in sinergia con l’associazione Le vie del Carso, avente come fulcro il Monte Carso, capace di attirare l’attenzione di quasi 100 atleti.
A maggio, viene riproposta la 12 ore del Monte Carso. L’idea di “Paulin” Glavina è semplice: proporre un tracciato e vedere chi, nell’arco dei 720 minuti, riesce a percorrerlo più volte! Complice il tempo favorevole (a tratti piove, c’è vento e fa piuttosto fresco) il record dello scorso anno viene polverizzato, sia in termini di partecipanti - oltre 40 atleti si alternano sulle pendici calcaree del Monte Carso - che in termini di ripetizioni totali (più di 200) che per numero di transiti firmati dallo stesso atleta: in tre risultano a parimerito con 11 passaggi completati. Per la cronaca i vincitori, rigorosamente senza premio, risultano il reggente del CIM, Silverio Pipolo (che per pochi minuti non riesce a concludere entro il tempo massimo il 12 giro), il padrone di casa Paolo Glavina e l’instancabile trailer Viola.
Grazie all’appoggio del Comune di S.Dorligo – Dolina, nonostante un meteo decisamente inclemente, si ripete il successo di JamaRun: sabato 20 giugno la Corsa in Montagna viene portata sul “solito” Monte Carso passando per il borgo sloveno di Beka, le sorgenti di Bukovec, la cime del Carso e rientro a rotta di collo a Jama. Primi al traguardo il forte Maraspin del Marathon tra gli uomini e la “vecchia” conoscenza Daniela Da Forno tra le donne, ma sono vincitori tutti i 111 atleti al traguardo, guidati dall’alto da Virgilio Zecchini, a cui è dedicata la competizione. Alla domenica, neppure le raffiche oltre i 100 km orari di una Bora fuori stagione, riescono a tener lontani quasi 100 atleti “in erba”, che si sfidano nel Baby Trail, manifestazione ideata per avvicinare bambini e ragazzi alla corsa in natura.
In bilico lungo una linea di demarcazione tra due Stati, oramai significativa solo sulla carta, 5 soci onorano, con spirito sportivo-conviviale, il ferRUNagosto, raggiungendo con passo di corsa la cima del Monte Goriane, lungo un percorso circolare iniziato e terminato nei pressi dell’ex-valico italo-austriaco di Coccau.
In autunno, dopo un anno di oblio, viene riproposto un appuntamento classico: il Kilometro Vertikale. Quest’anno è dedicato al dottor Fulvio Bratina, amico da anni del Gruppo e padre di Lele - uno dei nostri soci più attivi: scenario prescelto, per espresso desiderio della famiglia Bratina e in particolare di Lele stesso, che ha fortemente voluto e sostenuto l’evento, le Dolomiti di Auronzo e la Val Cjampedele.
A novembre il CIM è ritornato alle grandi traversate in stile podistico. Questa volta è toccato al Sentiero di Matilde di Canossa, vecchio tratturo che, con partenza da Ciano d’Enza (Canossa), raggiunge San Pellegrino in Alpe -splendido balcone affacciato alle alture della Garfagnana a quota 1600 m- dopo 90 km, quasi 5000 m di dislivello in salita, attraverso boschi, creste e vecchi borghi e castelli medioevali. Il percorso è completato, sotto una pioggia a tratti insistente, da 5 soci in tre tappe per oltre 14 ore di corsa: ma la splendida compagnia, il morale alto, il fondamentale lavoro della logistica e lo spettacolo dei paesaggi attraversati, sono stati le componenti ideali che hanno permesso la riuscita di questa memorabile traversata.
Il CIM coordina, sempre a novembre, la Cronotraversata del Maestro: dopo l’edizione “zero” del 2009, la Società Alpina delle Giulie conferma il sostegno alla manifestazione. Insieme agli altri Gruppi della SAG, con la supervisione del Presidente Mario Privileggi, viene bissato il successo tra gli appassionati della corsa, della speleologia e i semplici curiosi per una gara da fare tutta d’un fiato dentro e fuori la Caverna turistica più grande del mondo! La vittoria spetta anche quest’anno al forte Michele Ermacora, davanti allo sloveno Kastelic e Moretton, questa volta Andrea; ottavo il nostro Paulin Glavina; in campo femminile, al solito, la vittoria va all’imbattibile cadorina Daniela Da Forno.
La Cronotraversata è testimone anche dello spareggio tra i capolista della Copa CIM 2010, campionato interno tra i soci, che dopo 7 mesi di sfide tra tutti i soci in giro per le montagne del triveneto, della slovenia e i sentieri della costa dalmata, vede le teste di serie Glavina e Lupieri a pari punti. Per la cronaca, si conferma campione (rigorosamente senza corona) CIM Paulin, che gli amici del direttivo faranno certamente partire con un pesante handicap nell’edizione del 2011!!!

L’annata si conclude con la tradizionale Zipka Fantasy, traversata notturna da Aurisina al Casello Modugno, e l’immancabile cena sociale!

ATTIVITA’ AGONISTICA

All’insegna dell’attività a 360 gradi nell’ambiente alpino, i primi mesi dell’anno vedono il Gruppo CIM protagonista, magari non di primissimo piano, delle classiche gare di sci-alpinismo Regionali, della vicina Austria e delle Dolomiti; sempre “pestando neve”, ma con altri attrezzi, spicca il terzo posto di categoria di Lupen Lupieri alla Ciaspolissima di Valbruna. Con l’avvicinarsi della stagione estiva riprendono le attività della corsa in montagna ed in primavera le prime competizioni preparatorie su strada –tra cui le immamcabili Maratonina di Sesana e Maratonina d’Europa- e fuori strada -come la muscolare Mini Marathon di Kamenjak, quasi 13 km lungo gli sterrati, attraverso le pinete, vicino e sulle scogliere, accarezzando le baie ghiaiose della penisola di Premantura, dove il CIM guadagna il secondo posto assoluto con Paolo Glavina e il secondo posto tra le donne con l’aspirante (neo-socia per il 2011) Paola Bottos.
In estate massiccia affluenza alle più congeniali corse in montagna, passando dalle Sky-Race che compongono il circuito regionale di gare che “sfiorano” il cielo, alle storiche ed intramontabili Cortina-Dobbiaco, Transcivetta e Camignada po’ i 6 Rifugi, alle più giovani ma selettive Sky Race del Peralba, Dolomites Sky Race di Canazei, Alpine Marathon di Petrovo Brdo (2550 m di salita, altrettanti in discesa per 35 km di sviluppo!) e Dreizinnen Alpin Marathon.
Fiori all’occhiello le partecipazioni alla sempre più dura Lavaredo Ultratrail (90 km, 5300 m di dislivello positivo, conclusa da 2 atleti in poco più di 18 ore!) e all’elitario e selettivo trofeo KIMA in Val Masino - dove è già un successo riuscire ad essere accettati alla partenza e tra i 90 partenti 2 sono dei nostri!! (purtroppo al traguardo arriva solamente il perseverante Rico Pacorini, mentre Sil Pipolo è costretto al ritiro, dopo oltre metà percorso).
Da sottolineare il 6° posto assoluto afferrato, tra i migliori specialisti nazionali alla Staffetta del Lussari, dal mattatore Paolo Glavina, assieme agli amici Michele Ermacora e Alessandro Maraspin del Marathon Trieste; infine la riconferma sul gradino più alto del podio, dopo il successo 2009, alla durissima Triatur del Matajur (staffetta ciclo-podistica a squadre) con Gianni Sclip (tratto in MTB), Marco Moretton (Marathon) e l’immancabile Paolo “Paulin” Glavina.
A conclusione di una ricca stagione agonistica, notevoli la partecipazione alle autunnali 3 Comuni di Resiutta, Resia e Chiusaforte (40-esima candelina per la gara a coppie più amata dal CIM, con ben 7 coppie al traguardo e, sempre loro, il duo Lupieri-Glavina all’11esimo posto assoluto) e alla Cavalcata Carsica.

Se tutto questo non basta, chiedeteci delle corse esplorative, di allenamento o di piacere lungo i sentieri delle Dolomiti, delle Alpi Carniche e Giulie, o per i pendii delle montagne Austriache e Slovene…

I consiglieri del Gruppo CIM – Società Alpina delle Giulie – Trieste


torna su