Riepilogo Attività

Attività gruppo Corsa In Montagna anno 2003

Ecco i principali numeri del gruppo, giunto al decimo anno di vita, e il difficile riassunto della sua attività di vertice, podistica e multisportiva, su più fronti: organizzativo, divulgativo, agonistico, esplorativo, extraeuropeo

Attività organizzativa:

La settima edizione della Cronotraversata del Maestro in grotta Gigante è stata rimandata al 2005 per problemi tecnico-organizzativi dovuti agli imminenti lavori di ristrutturazione dell’area esterna alla cavità. Al suo posto quest’anno un sugoso “challenge” serale di tre giorni a invito chiamato Linee Verticali, dal colle di San Giusto attraverso Rena, al Cocusso per via diretta, passando per lo splendido sentiero dei pescatori da Miramare a Contovello, cercando salite nuove e desuete.
Importante nel 2003 la Settima edizione di “Rosandra, incontri di montagna”, spostata per esigenze organizzative a Bagnoli della Rosandra in concomitanza con la sagra paesana, contenitore che ha ospitato l’ormai nona edizione del meeting di corsa in montagna a staffetta memorial Moro, per l’occasione prima volta di un campionato regionale FIDAL di corsa in montagna a staffette in provincia di Trieste, la sesta edizione della “Corsa dei ghiaioni – Tek po Dolini Glinscice”, per il secondo anno gara valida anche per la coppa slovena del litorale, unica tappa transfrontaliera, e marcia a passo libero, la settima edizione della “Sgambettata”, gimcana per i più piccoli.
Tale manifestazione è capace di calamitare l’attenzione di un cospicuo numero di appassionati, dall’amante della montagna all’atleta di vertice passando per i semplici curiosi unendo momenti divulgativi e d’incontro ( nel 2003 mostra sull’attività CIM e proiezione sull’attività extraeuropea negli spazi del teatro Preseren) ad una sana giornata di sport. Quest’anno oltre 100 atleti sloveni hanno partecipato alla manifestazione.
Infine la primavera fredda con nevi persistenti ha dirottato la gara sociale CIM dal monte Chiampon, dov’era prevista, alla val Rosandra con il mezzo chilometro verticale del monte Carso.

Attività divulgativa:

Pubblicistica su Alpi Giulie e Alpinismo Goriziano, interviste, reportage e articoli su “Correre”, “La Corsa”, “Il Piccolo”, “In città”, “Rai tre”, “Primorski dnevnik”, “Sobota”; articoli su portali internet locali ed esteri segnalazioni su siti italiani ed esteri, creazione del nuovo portale CIM www.caicim.it. Proiezione e mostra al teatro Preseren, in occasione della serata inaugurale di “Rosandra 2003”. Partecipazione alla mostra itinerante sui 120 anni dell’alpina, Proiezioni, presentazioni e conferenze in sede sociale e itineranti, ospiti di associazioni e centri culturali. Pubblicazione del pieghevole illustrativo di “Rosandra 2003”.

Attività agonistica:

Difficilmente riassumibile l’enorme mole di attività agonistica degli atleti CIM: conclusione del trofeo del litorale in Slovenia, con la partecipazione alla maggior parte delle competizioni in programma; partecipazione a svariate classiche in Cadore, Carnia, Dolomiti, Veneto, Trentino Alto Adige e Slovenia come Padola-rif.Berti, Calalzo-Chiggiato, Transcivetta, Camignada poi sie refuge (sotto monitoraggio medico), giro dei colli di Avasinis, staffetta del Lussari, Volo con l’Aquila di Pramosio, sky race di Poschiavo, Nanos, Drei Zinnen marathon, trofeo tre comuni in Val Resia, Dolomites sky race di Canazei.
Inoltre altre competizioni quali la 50 km Slovenski Alpine Marathon, la Maratona d’Europa, la maratona di Lubiana, la maratonina del Carso, la “Corida garoto” in Brasile.
Non mancano competizioni sci alpinistiche (Sella Ronda ski marathon, scialpinistica di Canazei, Bellamonte, scialpinistica del Canin, Civetta ski raid).
Buon primo posto (De Cristini, 4h16’) alla classica cavalcata carsica CAI 3 Pese-Jamiano dove il gruppo partecipa con ben sedici atleti.

Attività extraeuropea:

Nella ricorrenza del centoventennale della fondazione della Società il gruppo CIM Corsa In Montagna ha promosso con successo la spedizione veloce denominata “MEXICO VOLCANOS, 120 YEARS MOUNTAIN RUNNING EXPEDITION 2003”
La spedizione ha avuto luogo dal 30/10 al 10/11/2003 e si è proposta di continuare il progetto sportivo di monitoraggio e ricerca nato nel 2000 in Tibet e proseguito nel 2001 all’isola de La Reunion e l’anno successivo sull’Atlante marocchino orientato ad alternare salite a quote “estreme” per la corsa con salite e traversate in ambienti e climi diversi dai nostri (zone desertiche o vulcaniche, foreste, aree tropicali ed equatoriali) unendo in un’unica cartella omogenea esperienze eterogenee dal punto di vista dei parametri atletici e fisiologici di soggetti non professionisti.
La spedizione ai vulcani messicani si è conclusa al di sopra di ogni aspettativa iniziale con la salita veloce di bentre 'giganti' dell'America centrale (Nevado de Toluca m.4680, Ixtacchiuatl m.5286, Nevado de Orizaba m.5747) in soli 7 giorni di impegnoreale.
Ampio reportage su Alpi Giulie 97/2 – 2003.

Attività esplorativa (escursionismo veloce):

Qui l’attività si fa decisamente più fitta essendo essa il pilastro portante e legante del gruppo C.I.M.Citeremo solamente le uscite più importanti:
Traversata Trieste (castello di San Giusto) – Lubiana (Lubljanski grad), tre tappe per un totale di 111 km, +2715m, -2505m di dislivello, percorsi in poco più di 13 ore.
“Tri”, ovvero l’omologo lungo il confine dal lato sloveno del nostro “ Tre”, alta via del Carso da Pese a Jamiano, 50 km totalmente esplorativi, frutto di svariati sopralluoghi preventivi, in circa 6.30’ di impegno.
Trieste (piazza Unità) – cima del Krn – Trieste (piazza Unità) in giornata: cavalcata multisportiva (mtb-corsa in montagna-mtb) con assistenza al seguito, in 21 ore totali.
Alta via CAI Gemona.
Varie puntate in terra istriana sui binari della Parenzana.
Ripetute visite in Val Saisera con salita di Gran Nabois, Fuart per gola NE, Jof di Miezegnot.
Cime di Carso e dintorni, affrontate e concatenate studiando sempre nuovi itinerari, spesso partendo direttamente dalla città (Trieste-Taiano, Trieste-Cocusso), quali Nanos, Suhi vhr, Auremiano, Taiano, Caven, Videz, Polanscek, Ograda, Obrovnik, Castellaro, Cocusso, Stari Tabor, Murato, Golak, Nevoso, Artvize, Sv Lovrenc.
Cime prealpine quali Plauris, Matajur, Chiampon, Cuarnan, Amariana.
Altre cime quali Crna Prst e Vioz
Inoltre nuovi itinerari podistici tracciati a cercare le elevazioni nelle isole di Pago e Arbe (Kamenjak, Sv.Vid)


torna su